Corte europea dei diritti dell'uomo

European Court of Human Rights

La Corte europea dei diritti dell'uomo è stata istituita nel 1959 a Strasburgo come meccanismo di tutela dei diritti fondamentali garantiti dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo del 1950. L'importanza della Convenzione, entrata in vigore nel 1953, non risiede unicamente nell'entità dei diritti da questa tutelati ma anche nel sistema di controllo introdotto allo scopo di esaminare le presunte violazioni e vigilare sull'osservanza, da parte degli Stati, degli obblighi derivanti dalla Convenzione.

Dalla sua creazione, la Corte ha emesso più di 10 000 sentenze che sono vincolanti per gli Stati condannati e inducono i governi a modificare la propria legislazione o la loro prassi amministrativa in numerosi ambiti. Ogni anno, riceve più di 30 000 nuovi ricorsi. Negli anni, la Corte è stata chiamata a pronunciarsi su violazioni gravissime dei diritti umani, su questioni riguardanti l'essenza stessa dello stato di diritto, nonché su numerosi argomenti sociali quali l'aborto, il suicidio assistito, le perquisizioni corporali, la schiavitù domestica, il diritto di una persona la cui identità genitoriale risulta ignota di conoscere le proprie origini, l'indossare il velo islamico negli istituti scolastici, la tutela delle fonti giornalistiche e la discriminazione nei confronti delle minoranze…

In cinquant'anni, l'importante giurisprudenza della Corte ha reso la Convenzione europea dei diritti dell'uomo uno strumento dinamico e potente in grado di raccogliere le nuove sfide e di consolidare lo stato di diritto e la democrazia in Europa.

Un nuovo Presidente per la Corte

Il nuovo Presidente della Corte europea dei diritti dell'uomo, Nicolas Bratza, ha assunto le sue funzioni il 4 novembre 2011.

Bratza prende il posto di Jean-Paul Costa, Presidente della Corte dal gennaio 2007.

È il terzo presidente britannico nella storia della Corte.

Crea/Mostra articolo

Pubblicazione del libro per l'anniversario della Corte

Court's anniversary bookIl libro ''The Conscience of Europe: 50 Years of the European Court of Human Rights'' (La Coscienza dell'Europa: 50 anni della Corte europea dei diritti dell'uomo) è stato pubblicato in inglese e francese il 28 gennaio 2011, data che segna l'apertura del prossimo anno giudiziario della Corte. Destinato a segnare il 50° anniversario della Corte nel 2009 e il 60° anniversario della Convenzione europea dei diritti dell'uomo il 4 novembre 2010, il libro raccoglie diversi contributi individuali sulla base di uno schema che riporta gli eventi principali che hanno caratterizzato questo mezzo secolo.

20 aprile 2009: 50° anniversario della Corte europea dei diritti dell’uomo

Le celebrazioni del 50° anniversario della Corte europea dei diritti dell’uomo daranno vita, durante il 2009, ad una serie di iniziative, tra cui il lancio di un sito Internet che riporta tutti i principali eventi della CEDU e che sarà arricchito e aggiornato nel corso dell’anno. Il sito viene lanciato per l'anniversario della fondazione della Corte, nata il 20 aprile 1959, in occasione dei primi dieci anni di attività del Consiglio d'Europa.

A proposito della Corte... [en]