Droga: Il Gruppo Pompidou: più di 30 anni di attività

Gruppo Pompidou


Oltre 30 di attività


La lotta all'abuso e al traffico di droga è una preoccupazione condivisa da politici e cittadini. L'intera Europa è interessata da questo fenomeno che evolve allo stesso ritmo delle mode e dei malesseri propri di ogni società e individuo.

Il Gruppo Pompidou, pioniere nell'approccio multidisciplinare nella lotta alla droga, si sforza di abbattere progressivamente tutte le frontiere: quelle esistenti tra i numerosi professionisti alle prese con questo problema, quelle che separano politici e persone che operano nel settore, quelle che oppongono sostenitori di soluzioni più liberali e fautori della linea dura, e per finire quelle che distinguono le droghe vietate da quelle acquistate dietro presentazione di ricetta medica ma altrettanto pericolose.

Gli esperti hanno saputo adottare gli strumenti di studio e di analisi indispensabili per illuminare professionisti e politici, dato che non esistono ricette miracolose in materia. Solo la condivisione delle informazioni e la valutazione delle esperienze possono arricchire le riflessioni, migliorare le risposte e preservare la coesione di un tessuto sociale già compromesso.

Attualmente il Gruppo Pompidou include 36 Stati membri e Monaco vi aderirà nel 2012. La Commissione europea ne fa parte.

Conferenza internazionale sulla "salute mentale e la tossicodipendenza nelle prigioni”

Questa conferenza internazionale è organizzata dal Gruppo Pompidou in collaborazione con l’Agenzia nazionale anti-droga della Romania. L’evento si terrà il 27 febbraio 2013 presso la biblioteca nazionale di Bucarest. Al centro dei dibattiti, i metodi attuali, regionali ed europei per migliorare i servizi clinici e psicologici di trattamento delle tossicodipendenze nelle prigioni. I partecipanti sono invitati a condividere e scambiare le loro conoscenze ed esperienze. A margine della conferenza verrà allestita una mostra di poster sulla prevenzione della droga realizzati da detenuti che vivono in comunità terapeutiche.

Crea/Mostra articolo

Programma di lavoro 2011-2014: le priorità della Presidenza francese

Etienne Apaire, Presidente della missione interministeriale francese di lotta contro la droga e le tossicodipendenze, che è stato eletto alla presidenza del Gruppo Pompidou nel novembre 2010, ha presentato le sue priorità al Comitato dei Ministri del Consiglio d'Europa il 30 marzo 2011.

In tale occasione, il Presidente Apaire ha sottolineato che "in un mondo in rapido cambiamento, in particolare in materia di droghe, il Gruppo deve svolgere un ruolo di primo piano, stimolando una riflessione sul futuro e gli scambi di informazioni all'interno della Grande Europa, ed essere il precursore di grandi iniziative politiche".

Morocco - First non European country to become member of the Pompidou Group

Il Marocco: primo paese non europeo ad aderire al Gruppo Pompidou

Il 1° luglio 2011, il Regno del Marocco è diventato membro del Gruppo Pompidou dopo cinque anni di partecipazione alla Rete mediterranea di cooperazione sulle droghe e sulle dipendenze MedNET. È il primo Stato non membro del Consiglio d’Europa ad aderire al Gruppo Pompidou. Nella sua lettera al Segretario generale del Consiglio d’Europa, il Ministro della Salute del Regno del Marocco ribadisce che “il Marocco è convinto che un reale partenariato e una cooperazione responsabile siano necessari per contrastare tale flagello” e che “l’interesse per l’adesione manifestato dal Marocco (…) rientra in tale approccio e dimostra l’impegno del paese a contribuire agli sforzi della comunità internazionale”. L’adesione del Marocco al Gruppo Pompidou, dopo la sua partecipazione alle attività della rete MedNET, è una chiara dimostrazione dell’importanza del ruolo svolto dalla rete, che getta un ponte tra l’Europa e il Mediterraneo.

Crea/Mostra articolo

Premio europeo per la prevenzione delle droghe

È dal 2004 che il Premio europeo per la prevenzione delle droghe ricompensa ogni due anni tre progetti innovativi condotti da giovani a favore dei giovani. Dalla sua creazione, oltre 200 progetti sono stati esaminati da una giuria composta da 7 giovani, che ha selezionato i vincitori.

Sono invitati a partecipare e a presentare i loro progetti tutti i 47 Stati membri del Consiglio d'Europa e il Marocco, che ha aderito al Gruppo nel luglio 2011. Il Premio 2012 è stato lanciato nel novembre 2011 e assegnato nell'autunno 2012 in occasione di una conferenza ad alto livello del Gruppo Pompidou.

Sito di riferimento

La Rete MedNET

La rete MedNET, creata nel 2006, mira a migliorare la qualità dell'attuazione delle politiche in materia di stupefacenti nei paesi del bacino del Mediterraneo e dell'Europa.

La droga al volante può uccidere

Il Gruppo di lotta contro l’abuso di stupefacenti ha realizzato uno spot televisivo di 30 secondi che presenta una giovane ricoverata in gravi condizioni in ospedale dopo un incidente automobilistico dovuto al consumo di droga. Secondo le informazioni disponibili, numerosi incidenti e decessi sulle strade europee sono provocati dalla guida sotto l’effetto di sostanze psicoattive. Il Gruppo Pompidou invita le reti televisive a diffondere questo spot, al fine di attirare l’attenzione pubblica sulla crescente gravità di questo problema. (segue...)

Crea/Mostra articolo

Formazione rivolta ai responsabili delle politiche in materia di lotta alla droga

Lo scopo principale di questa formazione ad alto livello è quello di migliorare il collegamento tra politica, ricerca e pratica per sostenere la gestione delle politiche antidroga. Si propone essenzialmente di promuovere le conoscenze e le competenze per un’attuazione, una gestione e una valutazione efficace delle politiche di lotta contro le droghe e dei programmi ad esse correlati.