Sala stampa

Segretario generale

Il Segretario generale esprime preoccupazione per la situazione politica in Moldova

06/05/2013

Il Segretario generale esprime preoccupazione per la situazione politica in Moldova
Thorbjørn Jagland 

Strasburgo, 6 maggio 2013 – Reagendo dinanzi alla recente crisi politica nella Repubblica di Moldova, il Segretario generale Thorbjørn Jagland ha rilasciato la seguente dichiarazione : “Seguo con preoccupazione gli sviluppi della situazione in Moldova. Negli ultimi giorni il Parlamento moldavo ha emendato una serie di leggi che intervengono in maniera sostanziale sul sistema politico del paese. Le leggi concernenti la Corte costituzionale, la legislazione elettorale, il funzionamento del Governo e il funzionamento delle strutture preposte all’applicazione della legge hanno subito modifiche, a volte ripetute, senza adeguate consultazioni.

Questi emendamenti e il modo in cui sono stati apportati rischiano di minare l’indipendenza e l’equilibrio delle istituzioni. Le modifiche più recenti che riguardano la Corte costituzionale destano particolare preoccupazione, considerato che le disposizioni proposte sembrano essere in contrasto con la Costituzione moldava, nonché con gli standard europei sulla giustizia costituzionale.

Esorto tutti gli attori politici ad agire in maniera responsabile. Sono in gioco la coerenza e la credibilità del percorso del paese verso l’Europa. Il Consiglio d’Europa proseguirà l’impegno nei confronti della Moldova, anche tramite il lavoro svolto dalla Commissione di Venezia, al fine di aiutare il paese a superare le attuali difficoltà politiche”.
 

 

Il Presidente dell’APCE esorta al rispetto delle norme europee nella Repubblica di Moldova


Si consulti anche: la Moldova e il Consiglio d’Europa

 
 
Segretario generale
23/04/2014
In primo piano
L’Europa fa un passo in avanti importante verso la protezione dei diritti delle donne, afferma il Segretario generale Jagland
Secretary General Jagland 
La Convenzione di Istanbul entra in vigore
Commissario per i diritti umani
23/04/2014
In primo piano
La libertà di espressione, di riunione e di associazione si deteriora in Azerbaigian
 
Il Commissario per i diritti umani rende pubbliche le sue osservazioni sulla situazione dei diritti umani nel paese
 

Comunicati stampa

L'agenda