Sala stampa

Commissario per i diritti umani

Il Commissario Muižnieks: la protezione dei diritti umani è messa a dura prova in Europa

25/04/2013

Il Commissario Muižnieks: La protezione dei diritti umani è messa a dura prova in Europa
Il Commissario per i diritti umani Nils Muižnieks 

Strasburgo, 25/4/2013 - “La situazione dei diritti umani che ho potuto constatare nel 2012 nel corso delle mie visite nei vari paesi, in occasione degli incontri con le autorità e delle discussioni con gli esponenti delle ONG è preoccupante” ha affermato oggi Nils Muižnieks, Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa, nel presentare il suo primo rapporto annuale. “Destano particolare inquietudine il persistere di forme di discriminazione, di razzismo e di omofobia, il trattamento degli immigrati, le restrizioni alla libertà di espressione e l’inefficacia dei sistemi giudiziari nazionali”.

Vanno ad aggravare tali persistenti problemi le misure di austerità che hanno contribuito a indebolire l’insieme dei diritti acquisiti nel dopoguerra in materia di diritti economici e sociali. Anche i diritti civili e politici sono stati compromessi, compreso l’accesso alla giustizia, le condizioni di detenzione e i rapporti tra la polizia e la popolazione. “In numerosi paesi le principali istituzioni di protezione dei diritti umani, quali i tribunali e le strutture nazionali preposte alla tutela dei diritti umani sono state indebolite dall’eccessivo rigore dei tagli ai bilanci. Inoltre, i partiti populisti e i gruppi nazionalisti ed estremisti hanno sfruttato le frustrazioni e i timori della popolazione a scopi elettorali”.

Le minoranze, in particolare i rom, sono sempre più spesso vittime di discriminazione, di razzismo e di intolleranza. La discriminazione fondata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere continua a rappresentare un problema generalizzato. “Le misure legislative miranti a limitare la libertà di espressione e di associazione delle persone lesbiche, gay, bisessuali e transgender segnano un passo indietro inquietante e ci riportano a un’epoca in cui gli omosessuali erano trattati come criminali”. (segue...)

 

Discorso 
 

Video del discorso

 
 
Segretario generale
18/09/2014
In primo piano
Sports is about health, fairness and integration, says Secretary General Jagland
Swiss Federal Councillor Ueli Maurer and Thorbjørn Jagland 
 

Comunicati stampa

L'agenda