Sala stampa

Segretario generale

Il Segretario generale esorta il Parlamento e il Governo ungheresi a posticipare il voto sulle modifiche alla Costituzione

06/03/2013

Il Segretario generale esorta il Parlamento e il Governo ungheresi a posticipare il voto sulle modifiche alla Costituzione
Thorbjørn Jagland 

Strasburgo, 06.03.2013 - In una dichiarazione fatta quest’oggi, il Segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, ha esortato il Governo e il Parlamento dell'Ungheria a posticipare il voto sulle modifiche alla Costituzione previsto per lunedì, affinché la Commissione di Venezia possa esaminare le proposte di emendamento al testo costituzionale.

“Sono preoccupato riguardo alla compatibilità degli emendamenti costituzionali con il principio dello Stato di diritto, come previsto dallo Statuto del Consiglio d’Europa. Il Governo ungherese sta attualmente procedendo alla reintroduzione delle disposizioni transitorie che erano state annullate dalla Corte Costituzionale. Questo sembra dimostrare l’apparente volontà del Governo di usare la maggioranza parlamentare dei due terzi per prevalere sulla Corte Costituzionale. Ciò potrebbe rappresentare una minaccia per il principio fondamentale di pesi e contrappesi su cui si basa una democrazia. Si tratta di una questione importante e complessa che deve essere attentamente esaminata da esperti. Sarebbe quindi necessario avere un parere della Commissione di Venezia.

Sono inoltre allarmato per il fatto che l’adozione di suddetti emendamenti è prevista per il prossimo lunedì. Se così fosse, non ci sarebbe il tempo per un esame approfondito degli esperti o per una procedura regolare in Ungheria.

Sollecito quindi il Governo ungherese e il Presidente del Parlamento a posticipare l’adozione delle modifiche costituzionali per lasciare alla Commissione di Venezia il tempo di esaminarle prima che siano adottate definitivamente. Sono convinto che la Commissione di Venezia si impegnerà a studiare tali proposte quanto prima”, ha affermato Jagland.
 


Contatto:
Daniel Höltgen, Portavoce del Segretario generale, cell. +33 6 68 29 87 51
 
 
Si consulti anche:
 
News correlata:

 

 
 
Segretario generale
23/04/2014
In primo piano
L’Europa fa un passo in avanti importante verso la protezione dei diritti delle donne, afferma il Segretario generale Jagland
 
La Convenzione di Istanbul entra in vigore
Comitato dei Ministri
24/04/2014
In primo piano
Il Comitato dei Ministri condanna le recenti esecuzioni in Bielorussia
 
 

Comunicati stampa

L'agenda