Sala stampa

Segretario generale

Thorbjørn Jagland chiede una risposta coordinata contro l’estremismo violento

29/01/2013

Thorbjørn Jagland chiede una risposta coordinata contro l’estremismo violento
Thorbjørn Jagland 

Strasburgo, 29 gennaio 2013 - Intervenendo questo pomeriggio in occasione di una conferenza ad alto livello a Bruxelles, il Segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjørn Jagland, ha esortato gli organismi internazionali a collaborare con le parti interessate a livello nazionale allo scopo di contrastare l’estremismo violento.

“Le autorità locali e le comunità si trovano in prima linea nella nostra lotta contro l’estremismo violento. Ma non possono farcela da sole. Solo una risposta internazionale coordinata insieme agli attori nazionali porterà al risultato desiderato.

Il Consiglio d’Europa è l’unica organizzazione in cui i giovani e i rappresentanti di governo decidono insieme su politiche e programmi. Incoraggiamo altre organizzazioni a seguire il nostro esempio. La democrazia è tale solo se rappresentativa di tutti cittadini, e non di un gruppo privilegiato.

Il primo passo è raggiungere gli studenti di tutta Europa insegnando loro l’educazione ai diritti umani e alla cittadinanza democratica ed investire tempo e risorse nel prevenire le violazioni dei diritti umani”, ha affermato Jagland.
 

Discorso

 

Maggiori informazioni:

Conferenza ad alto livello “Fornire agli attori locali i mezzi per agire contro l'estremismo violento”, Commissione europea, Bruxelles
 

Consultare anche:

Ungheria: il Segretario generale si compiace delle modifiche alle leggi sui media e sul sistema giudiziario
 

 
 
Segretario generale
22/07/2014
In primo piano
Segretario generale Thorbjørn Jagland: “No all’odio”
Thorbjørn Jagland 
Comitato dei Ministri
21/07/2014
In primo piano
Dichiarazione del presidente del Comitato dei Ministri sullo schianto dell’aereo della Malaysia Airlines
Elmar Mammadyarov, ministro degli Affari esteri dell’Azerbaigian e presidente del Comitato dei Ministri 
 

Comunicati stampa

L'agenda