Crea/Mostra articolo

 

Unione europea

 
 

 

Il Consiglio d'Europa e l'Unione europea:

ruoli diversi, valori comuni 
 

Il Consiglio d’Europa e l’Unione europea condividono gli stessi valori fondamentali - diritti umani, democrazia e stato di diritto - ma sono entità distinte che svolgono ruoli diversi, seppur complementari.

Tali valori fondamentali sono al centro dell’azione del Consiglio d’Europa. Quest’ultimo riunisce governi di tutto il continente europeo, e non solo, al fine di convenire su norme giuridiche minime in molteplici settori. Verifica in seguito in che modo i paesi applicano le norme cui hanno deciso di aderire. Fornisce loro assistenza tecnica, spesso in collaborazione con l’Unione europea, per aiutarli in tal senso.

L'Ue si riferisce a questi stessi valori europei, considerati elementi essenziali del suo processo di integrazione politica ed economica. Si basa spesso sulle norme del Consiglio d’Europa al momento dell’elaborazione di strumenti giuridici e di accordi applicabili ai suoi 28 Stati membri. Inoltre, l’Unione europea si serve regolarmente delle norme e delle attività di monitoraggio del Consiglio d’Europa nelle relazioni con i paesi vicini, molti dei quali sono membri del Consiglio d’Europa.

Il Trattato di Lisbona ha ampliato il campo d’azione dell’Unione europea in molti settori in cui il Consiglio d’Europa ha già maturato un’esperienza e una competenza significative. Questa nuova situazione ha portato ad una maggiore cooperazione su questioni quali la lotta contro la tratta degli esseri umani, lo sfruttamento sessuale dei bambini e la violenza nei confronti delle donne. Ha inoltre aperto la strada all’adesione dell’Ue alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo, e ad altri accordi del Consiglio d’Europa.


Le relazioni tra il Consiglio d’Europa e l’Unione Europea sono delineate all’interno dei seguenti documenti:

Inoltre, l’Unione europea partecipa alle diverse riunioni del Comitato dei Ministri.

Adesione dell'Ue alla Convenzione europea dei diritti dell'uomo

L’adesione dell’Unione europea alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo costituisce un ulteriore passo in avanti nello sviluppo della situazione dei diritti umani in Europa. Oggetto di discussione sin dalla fine degli anni ’70, l’adesione è diventata un obbligo giuridico in virtù del Trattato di Lisbona.

 
Sebbene l’Unione europea non sia ancora considerata una Parte aderente alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e gli atti della stessa non possono dunque essere oggetto di un ricorso dinanzi alla Corte europea dei diritti dell’uomo (la Corte), le questioni relative al diritto comunitario sono state regolarmente sollevate dinanzi alla Corte e all’ex Commissione europea per i diritti dell'uomo.

Scheda informativa sulla giurisprudenza relativa all'Unione europea

Crea/Mostra articolo

Trattati

L'Unione europea ha firmato e/o ratificato i seguenti trattati:

 

Accordi parziali

L'Unione europea:

Comitati

L'Unione europea può inviare dei rappresentanti alle reunioni dei seguenti comitati intergovernativi del Consiglio d'Europa (senza diritto di voto né remunerazione):  

  • Comitato di esperti ad hoc sulle questioni rom (CAHROM)
  • Comitato direttivo sulla bioetica (CDBI)
  • Comitato direttivo sulla coesione sociale (CDCS)
  • Comitato europeo sulle migrazioni (CDMG)
  • Comitato europeo sulla salute (CDSP)
  • Comitato europeo ad hoc per l'Agenzia mondiale antidoping(CAHAMA)
  • Comitato direttivo sulla cultura (CDCULT)
  • Comitato direttivo sull'educazione (CDED)
  • Comitato direttivo europeo sulla gioventù (CDEJ)
  • Comitato direttivo sull'istruzione superiore e la ricerca (CDESR)
  • Comitato direttivo del patrimonio culturale e il paesaggio (CDPATEP)
  • Consiglio misto sulla gioventù (CMJ)
  • Comitato europeo sulla democrazia locale e regionale (CDLR)
  • Consiglio consultivo dei giudici europei (CCJE)
  • Consiglio consultivo dei procuratori europei (CCPE)
  • Comitato europeo sulla cooperazione giuridica (CDCJ)
  • Comitato direttivo sui diritti umani (CDDH)
  • Comitato direttivo sull'uguaglianza tra donne e uomini (CDEG)
  • Comitato direttivo sui media e i nuovi servizi di comunicazione(CDMC)
  • Comitato europeo sui problemi di criminalità (CDPC)
  • Comitato di esperti sul terrorismo (CODEXTER)
  • Forum europeo di coordinamento per il Piano d'azione sulla disabilità del Consiglio d'Europa 2006-2015 (CAHPAH)

 

La Commissione europea detiene lo status di osservatore presso il Comitato permanente della Convenzione europea sulla violenza e le intemperanze degli spettatori in occasione di manifestazioni sportive ed in particolare di incontri calcistici

 
 

Crea/Mostra articolo

Il contributo dell’Unione Europea al bilancio del Consiglio d’Europa

L'importo annuale effettivo dei contributi dell’Ue a titolo dei Programmi congiunti tra il Consiglio d’Europa e l’Unione Europea, registrato tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2013, ammonta a 20.000.000 euro. Ciò rappresenta il 51%  delle entrate complessive del 2013 provenienti da contributi fuori bilancio, confermando l’Ue come il più importante contribuente esterno per le attività del CdE.

Crea/Mostra articolo

Documentazione dell'Unione europea relativa alla cooperazione con il Consiglio d'Europa