Conferenza sul futuro della Corte europea dei Diritti dell'Uomo

Interlaken (Svizzera), 18-19 febbraio 2010 


Il futuro della Corte europea dei Diritti dell’Uomo sarà al centro dei dibattiti dei Ministri responsabili della tutela dei diritti umani dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, che si riuniranno dal 18 al 19 febbraio presso il Casino Kursaal di Interlaken.

La Conferenza, organizzata dalla Presidenza svizzera del Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa, intende ribadire l’impegno degli Stati membri per la tutela dei diritti umani in Europa e la loro determinazione a consentire alla Corte europea dei Diritti dell’Uomo, ingranaggio indispensabile del meccanismo di tutela, di affrontare il crescente aumento dei ricorsi inoltrati.

Nel 2010, la Corte si trova in una situazione drammatica, con oltre 100.000 cause pendenti. Il fatto che il 90 % dei ricorsi introdotti sia chiaramente irrecivibile o manifestamente infondato rivela la grande mancanza di informazioni sulla Convenzione e sulle procedure della Corte. Dimostra inoltre che occorre rivitalizzare il sistema della Corte con un’applicazione più rigorosa del principio di sussidiarietà e un’attuazione delle decisioni giudiziarie all’interno dei sistemi giuridici nazionali.

Queste sono le questioni essenziali per il futuro della Corte alle quali la Conferenza di Interlaken tenterà di dare una risposta.